Il passo del vento: Sillabario alpino Book Cover Il passo del vento: Sillabario alpino
MAURO CORONA, MATTEO RIGHETTO
Narrativa contemporanea
Mondadori
24 settembre 2019
cartaceo euro 15,30 - e book 9,99
232

La voce della natura manifestata attraverso questo Sillabario di Mauro Corona e Matteo Righetto.

L’ambiente, si sa, ha un’importanza che spesso noi uomini sottovalutiamo, insomma diamo per scontata, invece, caro iCrewer, questo libro, esattamente un sillabario dalla A alla Z, ci ricorda indicandocelo con ogni lettera dell’alfabeto, tutte quelle parole che hanno a che fare con la natura; ci insegna come quest’ultima vada rispettata, amata quasi venerata perché rappresenta la nostra linfa vitale e chi, quindi, meglio di Mauro Coronna e Matteo Righetto potevano insegnarci ciò?

Leggiamo insieme la trama…

Parlare di montagna equivale a parlare dell’intera esistenza, e di come in essa si intende prendere posto. E amare la montagna significa stare al mondo con franchezza, desiderio di avventura, accortezza e spirito di solidarietà, rispetto per la vita in tutte le sue manifestazioni.

Mauro Corona e Matteo Righetto, gli scrittori italiani più autorevoli sull’argomento, danno voce a ciò che per loro la montagna rappresenta, attingendo a un ricchissimo tesoro di esperienze personali, qui condensate in brevi racconti, epigrammi fulminanti, descrizioni di paesaggi naturali di bellezza inesprimibile. In queste pagine troviamo l’asprezza della roccia e la sfida delle vette, ma anche la carezza accogliente dei boschi, il ritmo lento del passeggiare; i ricordi vivissimi di un tempo che non esiste più e la consapevIl passo del vento: Sillabario alpinoolezza urgente delle responsabilità da assumersi perché gli ambienti naturali possano sopravvivere ed essere il futuro dei nostri figli. I sedici milioni di abeti distrutti dal ciclone che si è abbattuto sulle Dolomiti alla fine del 2018 evocano i caduti della Prima guerra mondiale, perché “gli alberi sono come le persone, e le foreste sono intere comunità”. La descrizione di un camoscio, che con abilità di equilibrista si muove tra i picchi più impervi, sfocia in una riflessione sul cambiamento del ruolo del padre nella società contemporanea, una figura ormai così priva di spigoli da rendere difficile assumerla come riferimento e appoggio. E invece, dal momento che gli esseri umani sono alpinisti inconsapevoli e chi “guarda il cielo sente la vertigine della bellezza ma anche il vuoto del precipizio”, l’appiglio è cruciale, nell’arrampicata come nella vita. La narrativa potente di due grandi scrittori in un libro che si legge con la facilità e la soddisfazione con cui si raccolgono i mirtilli, grazie alla struttura classica e accattivante del sillabario.

Conosciamo meglio i nostri autori…

Matteo Righetto è docente di Lettere e studioso di LetterMatteo Righettoatura Ambientale, vive tra Padova e Colle Santa Lucia (Dolomiti). Ha esordito con Savana Padana (TEA, 2012), seguito dal romanzo La pelle dell’orso (Guanda, 2013), da cui è stato tratto un film con Marco Paolini, e altri titoli di successo tra i quali Apri gli occhi (TEA, 2016, vincitore del Premio della Montagna Cortina d’Ampezzo) e Dove porta la neve (TEA, 2017). La terra promessa è il romanzo conclusivo della “Trilogia della Patria”, i cui primi due volumi, usciti per Mondadori, sono L’anima della frontiera (2017) e L’ultima patria (2018). La sua Trilogia è diventata un caso letterario internazionale con traduzioni in molti Paesi, tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Australia, Germania, Olanda. Mauro Corona è nato a Erto (Pordenone) nel 1950. È autore di Il volo della martora, Le voci del bosco, Finché il cuculo canta, Gocce di resina, La montagna, Nel legno e nella pietraMauro Corona, Aspro e dolce, L’ombra del bastone, Vajont: quelli del dopo, I fantasmi di pietra, Cani, camosci, cuculi (e un corvo), Storia di Neve, Il canto delle manére, La fine del mondo storto (premio Bancarella 2011), La ballata della donna ertana, Come sasso nella corrente, Venti racconti allegri e uno triste, Guida poco che devi bere: manuale a uso dei giovani per imparare a bere, La voce degli uomini freddi (finalista premio Campiello 2014), Una lacrima color turchese, I misteri della montagna, Favola in bianco e nero, La via del sole, e delle raccolte di fiabe Storie del bosco antico, Torneranno le quattro stagioni e Il bosco racconta tutti editi da Mondadori. Ha pubblicato inoltre La casa dei sette ponti (Feltrinelli, 2012) e Confessioni ultime (Chiarelettere, 2013), Quasi niente (con Luigi Maieron, Chiarelettere, 2016).

Ti voglio lasciare con uno stralcio, autorizzato, di questo sillabario, una parola che solo a leggerla non può non vestirti di buonumore…

«ARCOBALENO

Un  pomeriggio estivo di qualche tempo fa  vidi un arcobaleno che si slanciava in un semicerchio perfetto dal Pelmo al Civetta. Era netto, con tutti i suoi colori nitidi e intensi. Sembrava sancire una promessa tra quei due monti. Un patto di fedeltà. “Prometti che resteremo entrambi così belli per l’eternità?” pareva chiedere il Pelmo al Civetta (d’altronde le montagne hanno tutti il diritto di parlare di eternità)».

Se sei un amante della natura, ma anche se non lo sei, troverai Il passo del vento: Sillabario alpino in libreria già dal 24 settembre 2019!

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami