Le Marche si trasformano nella regione della poesia dal 2 al 8 luglio con il festival “La Punta della Lingua”

Il festival poetico organizzato dall’associazione culturale Nie Wiem giunge alla sua tredicesima edizione e ha come filo conduttore il viaggio. Le città di Ancona e Portonovo ospitano infatti poeti italiani e stranieri, musicisti e performers, per creare un’esperienza unica, in cui la parola scritta e quella musicata si fondono e si fanno tramite dell’essenza poetica.

Si parte dunque il 2 luglio con Facebook Poetry X edizone, la sfida di poesia online indetta in collaborazione con il collettivo bolognese ZooPalco.
In programma è segnalata anche l’inaugurazione di Multiverso, la prima Mediateca della Poesia Contemporanea in Italia, presso la Biblioteca Comunale di Recanati, tuttavia l’evento è stato rimandato a data da destinarsi.

Portonovo è la protagonista delle prime due giornate di appuntamenti. Martedì 3 luglio si tiene la presentazione del libro Le vite potenziali, debutto da romanziere di Francesco Targhetta. A seguire Franca Macinelli propone in anteprima al pubblico del festival A un’ora di sonno da qui, opera che raccoglie le sue prime pubblicazioni poetiche per festeggiare i suoi dieci anni di carriera letteraria. A chiudere David Riondino parla del suo ultimo lavoro, Lo Sgurz, che colleziona i suoi componimenti in versi a partire dagli anni ’70 fino ad oggi. Mercoledì 4 luglio vengono proposte le reading dell’ultima opera della poetessa romena Ana BlandianaL’orologio senza ore, nel tardo pomeriggio, mentre alla sera si possono ascoltare i versi di Guido Mazzoni, accompagnato da Francesco Targhetta. Intermezzi musicali di Valeria Sturba. La Blandiana terrà anche un simposio ad Ancona giovedì.

[amazon_link asins=’8804687428′ template=’ProductCarousel’ store=’game0ec3-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ed903d7c-7d62-11e8-b4fe-59275a8be043′]

Giovedì 5 luglio ci si sposta ad Ancona per l’incontro “Le Marche della Poesia”: Filippo Davoli presenta Guido Garufi, poeta marchigiano. A seguire Massimo Raffaeli presenta Francesco Scarabicchi, importante poeta italiano definito dalla critica come “il maggiore tra i poeti della sua generazione”. In conclusione della serata: Murubutu in concerto.

Venerdì 6 luglio si torna a Portonovo, dove il collettivo Argo presenta la collana “Poesia del nostro tempo” in collaborazione con l’editore Istos e il suo primo titolo in catalogo: Confini, raccolta di poesie di autori italiani e stranieri, tra i quali Azam Bahrami, poetessa iraniana rifugiata in Italia. La Bahrami sarà presente all’evento e delizierà il pubblico con la lettura di alcune sue opere contenute in Confini. L’incontro successivo è con Nanni Balestrini, il primo poeta ad aver composto una poesia automatica, programmando un computer. Balestrini terrà anche un simposio il giorno successivo, sempre ad Ancona.

[amazon_link asins=’1780836007′ template=’ProductCarousel’ store=’game0ec3-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1ff033d6-7d63-11e8-b45c-67db3a8567f1′]

Sabato 7 luglio è dedicato alla musica. Ad Ancona infatti la musicista e poetessa Silvia Salvagnini presenta il suo nuovo libro, Il seme dell’abbraccio, in maniera unica e spettacolare: in soli cinque minuti e una persona alla volta! Nel frattempo, Lello Voce introduce Il fiore inverso, libro+CD con Frank Nemola alla tromba. Lo stesso Voce conduce poi una sfida di Poetry Slam con giuria popolare. La serata termina con Poetry Party: una festa dove la musica si fonde con la poesia del Novecento, per ballare al ritmo dei grandi poeti dell’ultimo secolo.

Il festival si chiude in bellezza ad Ancona con una giornata dedicata alla poesia estera. In serata si tiene infatti la reading dei lavori di Laura AcerboniFabiano Alborghetti Ulrike Ulrich, poeti elvetici che scrivono in lingua italiana e tedesca. Segue un dialogo fra Valerio Nerdoni Stefano Bernardelli, traduttori rispettivamente di Neruda e Parra, i quali mettono a confronto i due poeti per trovare una soluzione agli interrogativi sui numi e i valori della poesia cilena presenti nei film autobiografici del giovane regista Alejandro Jodorowsy. L’incontro si conclude con la visione del film La danza della realtà di Jodorwsky.

Questo è il ricco programma che il festival “La Punta della Lingua” propone quest’anno. Per maggiori informazioni sugli orari e i luoghi dei vari appuntamenti, ecco il sito della manifestazione: http://www.lapuntadellalingua.it/

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami