Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Krampus Davide Stokovaz

Recensione Krampus di Davide Stocovaz

Krampus, Dark Zone pubblica l'horror dello scrittore triestino

David Stokovaz

Krampus edito da Dark Zone è il titolo del libro di un autore triestino Davide Stocovaz, “appassionato” del genere horror. L’autore non mi è del tutto sconosciuto, ho avuto il piacere di conoscerlo leggendo Abissi, un altro dei suoi libri, uscito nel 2017 di cui ho curato anche la recensione.

In verità ho scoperto l’arcano legame alla fine della lettura del libro, curiosando tra le note biografiche e questo mi ha permesso di non farmi condizionare dal precedente giudizio.

Detto questo, penso che, oltre al racconto, ad identificare un autore sia il suo personale stile letterario, trattandosi di un horror,  a mio avviso è importante che i ritmi dei dialoghi e la scorrevolezza della scrittura debbano essere quelli più adeguati, se non altro per creare la giusta suspense.

Krampus, tra tradizione e leggenda, l’eterna lotta tra il bene e il male

Nel caso di Krampus, e quindi con l’autore, il mio approccio ahimè, non è stato del tutto positivo. Fin dall’inizio ho purtroppo notato una mancanza di scorrevolezza nel linguaggio e una immediata difficoltà a seguire i dialoghi, a tratti troppo telegrafici. Questo non mi ha impedito di continuare nella lettura, anzi ho cercato di farmi catturare dalla storia alla ricerca di sensazioni migliori.

La storia di per sé rispetta i canoni del genere, tuttavia mi sono chiesta, perché Stocovaz ha scelto questo titolo per il suo libro? Cos’è un Krampus? Sono andata a curiosare e ho scoperto che la parola “Krampus” per alcuni, deriva  dal tedesco “Kramp”, artiglio, per altri deriverebbe dal bavarese “Krampn” morto o putrefatto.

I Krampus sono figure legate a riti pagani nei quali era viva la lotta tra il Bene e il Male. Con l’avvento del Cristianesimo il Bene è stato identificato nella figura di San Nicolò mentre il Male è rimasto connotato nei Kramps O Krampus.

Krampus

La tradizione vuole che ogni 5 dicembre di ogni anno, il Santo, accompagnato dagli angeli, porti dolci e leccornie ai bambini più buoni e più piccoli. I bambini cattivi purtroppo sono inseguiti dai diavoli cattivi, i “krampus”appunto che escono allo scoperto al tramonto, per andare alla loro ricerca.

Sono descritti come esseri spaventosi, vagano nella notte con vestiti sporchi facendo rumore e creando  scompiglio. Le leggende legate ai Krampus sono molto particolari e ancora adesso rinnovate da buona parte del Friuli.

Krampus, una trappola per i quattro protagonisti dell’horror

La storia di Stocovaz si svolge in questo scenario. Il desiderio di trascorrere il Capodanno da un amico comune, spinge quattro amici ad avventurarsi nelle impervie montagne del Friuli Venezia Giulia. Improvvisamente  una piccola frana cambia le carte in tavola trasformandosi in una vero e proprio rebus quanto mai difficile da risolvere. L’atmosfera in questo caso è quella giusta, misteriosa, ultraterrena, sconvolgente e costantemente contrassegnata da strani episodi che farebbero rizzare i capelli a chiunque.

Krampus Davide Stokovaz

Per Marco Simona Paola e Danilo, i protagonisti del racconto, tutto diventa troppo pericoloso e difficile da interpretare soprattutto se si ha a che fare con le dure leggi del soprannaturale. A fare da corollario, tutta una serie di personaggi che, oltre ad interagire con i protagonisti, dando un senso ai loro mille interrogativi .

Senza nulla togliere ai vari momenti di pathos, quasi inevitabili, il finale della storia è senza dubbio quella che regala e restituisce valore all’horror. Stocovaz finalmente si lascia andare creando quel senso di precarietà e  inadeguatezza tipico del genere, la scrittura è più veloce, marcata, efficace, intrappola il lettore fino alla fine.

Nel complesso il libro di Stocovaz si fa leggere, non si dilunga e questo è un bene. Insomma Krampus è come un bel diesel: devi arrivare alla fine per poterlo apprezzare.

0 0 voto
Voto iCrewers

Krampus è scritto da Davide Stocovaz , autore triestino appassionato del genere horror. Il libro in qualche modo si ricollega alla tradizione friulana legata a riti pagani. La lotta tra il male e il bene  è rappresentata dalla figura di San Nicolò capace di neutralizzare la cattiveria dei demoni.

Nell’horror di Stokovaz queste figure trovano il loro spazio dando vita ad una storia contrassegnata da fatti surreali e sconvolgenti. Protagonisti del racconto quattro ragazzi diretti ad una festa costretti a cambiare il loro viaggio in seguito ad una pericolosa quanto strategica e misteriosa frana.

Per buona parte del libro i dialoghi e la scrittura risultano a mio avviso, poco scorrevoli e non sempre adeguati al contesto. Molto positivo invece il finale, efficace e scritto bene. Nel complesso in virtù della breve lunghezza, il libro si legge volentieri.

Altre recensioni

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0