Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Leggilo anche tu: Il giardino del profeta di Kahlil Gibran edizioni Feltrinelli

Kahlil Gibran con Il giardino del profeta, edizioni Feltrinelli: una riproposta per la rubrica Leggilo anche tu

A volte ritornano, altre non muoiono mai, succede a chi lascia tracce di se nel mondo.

Se ami una persona, lasciala andare perchè se ritorna è sempre stata tua. e se non ritorna non lo è mai stata.

In questa massima di Kahlil Gibran c’è una saggezza antica e sempre nuova, proprio come il suo autore.

Khalil Gibran

Kahlil Gibran, poeta, pittore e aforista libano-statunitense, nato il 6 Gennaio 1883  e morto il 10 Aprile 1931, deve il suo successo sopratutto all’abilità di aver saputo coniugare l’oriente, da cui è originario, con l’occidente che lo ha adottato. Da questo connubio nasce la sua arte, la sua poetica e i suoi celebri aforismi conosciuti dal grande pubblico grazie anche ai social, nelle cui pagine Gibran è citatissimo anche da chi non sa che è appartenuto ad un’altra epoca. Ma è proprio questa la sua particolarità: la freschezza, l’immortale attualità del suo pensiero che lo fa sembrare contemporaneo, a dimostrazione del fatto che se un autore è valido non conosce tempo né stagioni.

Numerose le sue opere e non solo letterarie, di Kahlil Gibran ricordiamo Il Profeta, in cui l’autore intreccia immagini e simboli di ogni religione e filosofia, Il Miscredente, in cui l’impegno politico e la tensione civile prevalgono sui temi a lui cari, quelli religiosi. O ancora Le ali infrante, dedicato alla morte della sua amata moglie e le Massime spirituali, un testo tipico della sua produzione, fra l’aforistico e il mistico, tra l’oriente e l’occidente: una produzione vasta e apprezzata in tutto il mondo.

Kahlil Gibran, Il giardino del profeta Edizioni Feltrinelli

Due anni dopo la sua morte, viene pubblicata l’opera che segnaliamo, rimasta incompiuta, [amazon_textlink asin=’8807723964′ text=’Il giardino del Profeta, ‘ template=’ProductLink’ store=’game0ec3-21′ marketplace=’IT’ link_id=’70e37228-8e39-4ff6-9083-1e37a926c1d9′] probabilmente quella più conosciuta dai posteri. Pubblicata in moltissime edizioni, nel corso degli anni, quella che segnaliamo è della Feltrinelli anno 2013, ha come argomento il rapporto dell’uomo con la natura ed esprime in modo particolare, il desiderio di Gibran di “dissolversi e ricongiungersi ad essa” come in un cerchio che, dopo aver disegnato la sua parabola, si chiude lì dove si era originato.

Per ribadire il suo pensiero, assieme alla grande umiltà che lo ha contraddistinto, concludiamo con un suo aforisma, emblematico del suo essere poeta e letterato di grande levatura morale:

Io non conosco verità assolute ma sono umile di fronte alla mia ignoranza: in ciò è il mio onore e la mia ricompensa.

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

Speciale

Sport in book I più belli dello sport, Alika Shmidt dalle Olimpiadi alle sfilate

Dress code rosso sangue

Novità in libreria: Mondadori, le uscite di ottobre 2021

La ragazza fuggita da Auschwitz

Novità in libreria: Newton Compton, le uscite di ottobre 2021

Orgoglio e pregiudizio

Spazio ai classici: Sono posizionati tutti nello stesso modo in ogni libreria?

L'Imbalsamatore

Recensione l’imbalsamatore di Alison Belsham Newton Compton

Il diavolo ha due volti

Novità: Il diavolo ha due volti di Nancy Urzo

Kahlil Gibran con Il giardino del profeta, edizioni Feltrinelli: una riproposta per la rubrica Leggilo anche tu
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0