Non smettere di trasmettere Book Cover Non smettere di trasmettere
Claudio Baglioni
biografia & sociale
La nave di Teseo
29 giugno 2017
ebook/cartaceo
591/612

Esiste un modo non impersonale di vivere i social? È possibile ridurre e non aumentare le distanze? Stabilire contatti "reali", anche se spesso la conoscenza è e resta soltanto "virtuale"? Si può rimanere se stessi, senza stravolgere la propria identità, né lasciarsi trascinare nel gioco, non sempre divertente o innocente, della finzione? Ci si può incontrare su un piano di autenticità e onestà intellettuale, evitando "post-verità" e "hate speech"? C'è posto per pensieri veri, parole vere, sentimenti ed emozioni vere? Ci possono essere profondità senza pesantezza, leggerezza senza banalità, dialettica senza polemica e confronto senza offesa? Claudio Baglioni ci dimostra di sì: tutto questo è possibile. E lo fa, utilizzando la forma antica e romantica della lettera, nell'universo veloce e distratto dei social, recuperando e dando fiato e tempo a quei pensieri e a quelle parole che il mondo social cerca, ma raramente è in grado di offrire. Lettere dal tempo raccoglie le vere e proprie lettere - non semplici post - che Baglioni scrive alle centinaia di migliaia di persone (800mila, attualmente) che lo seguono sul suo profilo Facebook. Lettere personali nel linguaggio e nella forza delle riflessioni, ma anche nei destinatari, dal momento che non sono indirizzate a una platea informe e anonima, ma pensate come un "da me a te" diretto, intimo e vero, frutto della sensibilità, della profondità, e della capacità di emozionare e appassionare che solo un grande artista ha.

Cari iCrewers, oggi “ospite” della rubrica è un cantautore italiano, parte importante della storia della musica leggera italiana: Claudio Baglioni. Nelle vesti di scrittore ci racconta il lato bello dei social.

Il nuovo libro dell’artista romano Claudio Baglioni parla del concetto di Social. Lo fa nella sua declinazione più importante, quella che gli permette di mantenere un contatto reale e sincero con i suoi fans.

Essere presente sui Social più seguiti, a cominciare da Facebook, per un personaggio pubblico come Baglioni, significa intraprendere un percorso difficile da gestire nella maniera più giusta.

In questo libro il musicista racconta ciò che ha saputo creare online su Facebook: una vera e propria comunità, gestita da lui in modo sincero e diretto, con la pubblicazione di lunghi messaggi per il suo pubblico.

Sono vere e proprie lettere che riportano alla bellezza della comunicazione epistolare del passato ma che, però, hanno il vantaggio di essere “consegnate” ai vari mittenti in modo velocissimo.

Non smettere di trasmettere è un bell’esempio di come si possono coltivare i rapporti umani e crescere anche nel mondo, cosiddetto, virtuale.

Una raccolta di pensieri sparsi al vento di internet.

E’ una pura e sincera testimonianza del fatto che anche in Rete e all’interno di un Social, come Facebook, è possibile costruire un dialogo che emoziona.

L’artista

baglioni

Claudio Baglioni è uno tra gli artisti più amati e di maggior successo di pubblico e di critica nella storia della musica popolare italiana.

Nato a Roma nel 1951, è il “Claudio” nazionale della musica leggera italiana, in cui come cantautore ha fatto scuola con oltre quarant’anni di successi che continuano a far cantare il pubblico di tutte le età.

Suo l’album (La vita è adesso, con 3.800.000 copie) più venduto nella storia della discografia italiana.

Romano de Roma, Baglioni da adolescente alterna la chitarra alle lezioni di pianoforte. Debutta a 13 anni al concorso di voci nuove organizzato nel suo quartiere (Centocelle). Nel 1969 pubblica l’album d’esordio, Claudio Baglioni, che si rivela un flop.

Tre anni dopo fa centro con Questo piccolo grande amore, uno dei primi esempi di concept album italiani, cioè sviluppato su una storia. L’omonimo singolo vende 900.000 copie e viene proclamato in seguito “canzone italiana del secolo”.

Numeri che si confermano con i successivi album, da E tu… a Sabato pomeriggio, da Strada facendo all’exploit di Oltre, con cui rinnova il suo stile musicale e si riprende dopo la delusione subita (contestato e fischiato) al concerto di Amnesty International a Torino.

Premiato nel 2003 con il Lunezia (per l’alto valore letterario dei suoi testi) e nominato Commendatore della Repubblica dal presidente Ciampi, l’anno seguente consegue la laurea in architettura presso l’Università La Sapienza di Roma.

Molto attivo nel sociale, oltre ad essere tra i fondatori della Nazionale Cantanti, è l’ideatore di O’ Scià, festival musicale che dal 2003, annualmente, accende i riflettori su Lampedusa e sul problema dell’immigrazione clandestina.

Un’artista a tutto tondo! Vi lascio con la sua canzone più famosa… Questo piccolo grande amore

[su_youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=klEi6FZrmXY”]

… e se il libro vi ha incuriosito:

[amazon_link asins=’8893441365′ template=’ProductCarousel’ store=’game0ec3-21′ marketplace=’IT’ link_id=’bc563775-89f1-11e7-a82e-fdd3bc2120b4′]

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami