Oggi selezioniamo per voi gli eventi più interessanti che si svolgeranno al Festivaletteratura nelle giornate del 7 e 8 settembre. Scopriamoli insieme…

Come abbiamo già detto precedentemente, sono ventun’anni che il Festivaletteratura anima la città di Mantova rivitalizandola culturalmente e affrontando tematiche complesse con grande impegno e, spesso, con grande forza di provocazione.

Dunque, dal 7 al 9 settembre scrittori, musicisti e poeti converseranno tra loro, continuando a improvvisare “letture e concerti dove flusso musicale e flusso del parlato scorreranno a ritmo inesauribile“.

festivaletteratura di mantova

Sono oltre trecento, duecentotrentuno a pagamento, gli eventi che compongono l’intero programma del Festival. Eventi tra i quali è facile perdersi. E’ questo il rischio, se non si hanno le idee chiare su cosa vedere e ascoltare. Un rischio che potrebbe anche essere positivo e riservare sorprese. Per ovviare a ciò, dunque, continuiamo a proporvi una selezione degli incontri, a nostro parere, più interessanti del FestivaLetteratura di Mantova, inerenti le prossime due giornate.

Gli appuntamenti del 7 settembre

  • Ti racconto la mia Europa

    In occasione dei 60 anni dai Trattati di Roma, che sancirono la nascita ufficiale dell’Unione Europea, alcuni giovani scrittori europei si incontrano. L’evento è dedicato ai più piccoli. Di conseguenza, attraverso letture e giochi divertenti, si parlerà di somiglianze e differenze tra terre e culture diverse. Costruire ponti è molto più facile dell’issare muri.

  • La guida di Atlante

    La guida collettiva compilata dai cartografi camminatori di Atlante – elaborata durante le attività pre-festival – arriverà in piazza per la libera consultazione da parte del pubblico del Festival. A seguire, sarà disegnato l’itinerario svolto dai partecipanti con i punti di interesse censiti durante il viaggio. Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con inLombardia, Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia.

  • Architettura a misura di comunità

    Infine, tra gli incontri della giornata, da segnalare vi è questo dedicato all’architettura. Protagonista dell’incontro è il lavoro dello studio norvegese Snøhetta, famoso per la realizzazione della Biblioteca d’Alessandria, l’Opera House di Oslo e il Memorial dell’11 settembre a New York. Di certo quello che rende la loro azione speciale è il dialogo continuo con le comunità e i luoghi. Kjetil Thorsen, fondatore dello Studio Snøhetta, incontra a Mantova Luca Molinari, critico e storico dell’architettura.

Gli appuntamenti dell’8 settembre

  • Le città in giallo

    Le piazze della città si tingeranno di giallo nelle giornate del 7 e 8 settembre. Il vicequestore Rocco Schiavone, l’ispettore Lojacono e il commissario Mancini si aggirano per i vicoli e i portici di Mantova. A Festivaletteratura saranno protagonisti di tre incontri dedicati al genere crime, insieme agli scrittori che li hanno creati. Si dialogherà, infatti, con Antonio Manzini, Maurizio De Giovanni e Mirko Zilahy.

[amazon_link asins=’B072KHSVGT,B073GD3S5T,B017TBB61Y,B06X91C7YQ’ template=’ProductCarousel’ store=’game0ec3-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a35acee1-9247-11e7-8c4b-5df68367cc79′]

  • La gente mi moriva attorno

    In occasione del venticinquesimo anniversario delle stragi di Capaci e di via D’Amelio, attentati di stampo mafioso in cui persero la vita i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, per onorarne la memoria, il presidente del Senato Pietro Grasso racconta quegli anni in Storie di sangue, amici e fantasmi. Dialoga, inoltre, insieme all’autore de L’assedio, il giornalista Giovanni Bianconi.

[amazon_link asins=’8807173247,B072NS1XHR’ template=’ProductCarousel’ store=’game0ec3-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6e73e946-9248-11e7-adf5-a364be14a415′]

  • La palestra letteraria

    In conclusione, volevamo segnalarvi anche una serie di incoltri che uniscono lo sport e la letteratura. Si svolgeranno durante l’intero svolgimento del Festival. L’iniziativa La Palestra letteraria, realizzata in collaborazione con la Biblioteca Sportiva Nazionale del CONI, la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze e i sistemi bibliotecari di Mantova e Brescia, si compone di oltre 400 volumi posti in libera consultazione tra attrezzi ginnici, spalliere e quadri svedesi presso la Palestra del Seminario di via Cairoli. Il programma degli incontri prevede, inoltre, un omaggio al mito di Muhammad Alì e allo sfortunato George Best.

Per scoprire tutti gli altri eventi, potete consultare la pagina ufficiale del Festival.

A presto con nuove news…

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami