Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Dante Divina Commedia percorsi danteschi

La Divina Commedia, Inferno: Canto III

Canto III dell'Inferno - Il canto di Caronte

Ciao mio caro iCrewer oggi partiamo alla volta del Canto III della Divina Commedia di Dante Alighieri, sei pronto? Partiamo…Inferno di Dante

La Divina Commedia – Inferno – Canto III

Alla fine del Canto II, Dante era in cammino verso l’entrata dell’Inferno insieme a Virgilio, pronto per iniziare il suo viaggio.

Il Canto III dell’Inferno è il canto degli Ignavi, coloro che in vita non presero posizione e quindi, per la legge del contrappasso, costretti a correre dietro a un insegna priva di senso, spinti a muoversi dalle punture di vespe e mosconi. Se consideriamo la figura dominante del canto lo possiamo definire il Canto di Caronte.

Si apre con la terribile iscrizione della porta dell’inferno, che occupa le prime terzine ed è scritta in tono fortemente drammatico.

la porta dell'inferno di Auguste rodinLasciate ogni speranza, voi ch’entrate

Dante prova sgomento di fronte al senso di queste parole, ma Virgilio lo esorta a proseguire. L’iscrizione sulla porta dell’inferno, costruita dalla Divina Trinità prima di ogni cosa mortale, appare nella lingua comprensibile a chi, in quell’istante, la sta leggendo.

Superata la porta, Dante è avvolto dalle tenebre nelle quali risuonano sospiri, pianti e lamenti che lo turbano tanto da non riuscire a trattenere le lacrime. Chiede a Virgilio spiegazioni e quest’ultimo gli risponde che le urla che si alzano dall’inferno sono opera degli Ignavi.

Insieme alle anime degli ignavi ci sono gli angeli che, nella lotta tra Dio e Lucifero, nn ebbero il coraggio di schierarsi. respinti sia dal cielo che dall’inferno sono costretti a restare nell’antinferno per l’eternità.

Tra questi dannati, Dante riconosce una figura, colui che fece per viltà il gran rifiuto, e che secondo la maggior parte degli studiosi sta ad indicare Papa Celeste V.

Dopo gli Ignavi, i due poeti si trovano davanti ad un’altra massa di anime, quella dei peccatori destinati a entrare nell’inferno, in attesa di varcare il fiume Acheronte, nome che vuole indicare l’assenza di gioia e che troviamo anche nell’inferno classico e Virgiliano.

Mentre Dante si avvicina alla riva del fiume scorge una figura minacciosa su una nave, si tratta di Caronte, figlio dell’Erebo e della notte, ha il compito di traghettare le anime da una riva all’altra del fiume. La sua figura è ripresa dalla mitologia classica ma Dante gli attribuisce un carattere collerico e spietato, tanto da percuotere continuamente i dannati che trasporta.

Caronte si accorge della presenza di un vivente, Dante, e lo esorta a tornare indietro, profetizzando al poeta il suo destino attraverso le sue parole: Per un’altra via, per altri porti approderai alla spiaggia dell’aldilà, non venire qui per passare, più lieve legno convien che ti porti; questo esplicita che non è nel destino di Dante finire all’inferno.

È Virgilio a intervenire, spiegando al traghettatore che il viaggio di Dante è voluto da Dio, calmandolo. Mentre Dante assiste alla spaventosa scena delle anime che si precipitano tutte insieme per passare il fiume, il suo maestro gli spiega come, le anime di colore che muoiono nell’ira di Dio, si raccolgono qui per passare il fiume perché spinte dalla Giustizia Divina.

Appena Virgilio finisce di parlare un terribile terremoto scuote la regione Infernale, insieme ad un vento impetuoso e Dante perde i sensi e cade a terra in un profondo sonno.

Sulle acque dell’Acheronte finisce il nostro viaggio, con Dante privo di sensi e un intero inferno ancora da attraversare. Continua a seguirci per non perderti i prossimi canti.

Un abbraccio virtuale e buona lettura

0 0 voto
Voto iCrewers

Potrebbe interessarti...

S'io fossi foco

S’io fossi foco di Lodovica San Guedoro. Recensione

Speciale

A Macchiagodena, Gennaro Scaglioso porta “Nidi di rondini”

Le leggende della scherma

Novità in libreria: Le leggende della scherma di Fabio Massimo Splendore

Il Demone

Novità in libreria: Il Demone, di Frank Goldammer

Guida completa al survival. Come sopravvivere in ogni ambiente e situazione

Lifestyle: Bushcraft – La sopravvivenza nel bosco

L'appartamento a Parigi

Novità in libreria: L’appartamento a Parigi di Kelly Bowen

Il Canto III dell’Inferno è il canto di Caronte e degli Ignavi, quale parte preferisci?
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti

Scelti dalla redazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0