COSA È LA BIBLIOTERAPIA?

Nella letteratura medica il termine “biblioterapia” è usato in riferimento alla cura attraverso i romanzi e i manuali di auto-aiuto. Qui la lettura rappresenta uno strumento di crescita personale, di acquisizione di conoscenze e di consapevolezza in tutte quelle situazioni di disagio psicologico e sociale.

“Prescrivere un libro”, in psicoterapia, aiuta la persona sofferente a riflettere su di sé, a confrontarsi, a potenziare le sue capacità cognitive ed emotive, acquistando conoscenze ed elaborando strategie di gestione del disagio psicologico sempre più efficaci.

Il libro stesso strumento di terapia

La lettura e il libro diventano strumenti di aiuto per la salute e il benessere personale e collettivo.

Molti addetti, di diverso orientamento psicoterapeutico, adottano la Biblioterapia come un “compito a casa” e consigliano la lettura di un libro specifico.

Il disagio psicologico e la voglia di cambiamento trovano nella lettura gli stimoli al superamento degli ostacoli e dei vincoli. Lo stesso libro può essere letto in momenti diversi della propria vita, e si possono verificare nuove emozioni e consapevolezze.

Leggere un libro aiuta a crescere. La vita di ognuno è un libro: sono pagine che altri possono leggere ma che nessun altro può scrivere per noi; pagine che altri possono scrivere ma solo noi possiamo leggere. La lettura aiuta l’emergere della consapevolezza e la promozione del cambiamento.

Il libro e la lettura sono potenti strumenti di crescita e cambiamento culturale e psicologico. Questo vuole insegnarci la biblioterapia.

Oggi la biblioterapia, chiamata spesso anche “libroterapia”, ha definito, attraverso un percorso per aggiustamenti progressivi, la sua immagine, i suoi metodi e gli strumenti più efficaci per le finalità che si propone. Pertanto, se si intende usare la biblioterapia nel senso effettivo del termine “terapia”, e non come puro strumento di cultura o diletto, va impostata come un processo interattivo. Questo processo, partendo dalla lettura, intende stimolare la riflessione e il cambiamento personale per supportare la salute, sia essa fisica, psicologica o sociale.

Può essere applicata in modi diversi e assumere significati differenti

Autoterapia involontaria: Molto spesso capita di essere colpiti da un libro, da una frase o da una parola che non hanno una finalità propriamente terapeutica. Questo accade perché ci sono molti libri che contengono tra le righe, messaggi e riflessioni di cui lo stato d’animo di chi legge può avere bisogno, oppure situazioni nelle quali capita di riconoscersi.

Letture di auto-aiuto: In questo caso, ciò che aiuta nella riflessione si trova in libri scritti espressamente con l’intento di aiutare le persone a risolvere determinati problemi.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami