0

0

Se Holly Golightly si fosse chiamata Connie Gustafson

Colazione da Tiffany, l'ultima bozza di Capote vola all'asta

Audrey Hepburn
0

0

iCrewPlay consiglia

A breve in pubblicazione

  • Cover reveal: Hot in kilt di Michela Piazza e Pamela Boiocchi sarà pubblicato alle 12:00 del 28.09
  • Recensione: Non essere cattiva, di S. E. Lynes, Newton Compton editori sarà pubblicato alle 14:00 del 28.09

Colazione da Tiffany e il sorriso di Audrey Hepburn

Raddoppiata la stima. Compare prima volta nome Holly Golightly

(ANSA) – NEW YORK, 06 AGO –

Holly Golightly, con il sorriso di Audrey Hepburn, è da quasi 60 anni uno dei personaggi più iconici nella storia del cinema. Sarebbe stato lo stesso se, anziché chiamarsi così, l’eroina di “Colazione da Tiffany” avesse risposto al più prosaico nome di Connie Gustafson? L’ultima bozza dattiloscritta della novella di Truman Capote che ha ispirato l’omonimo film di Blake Edwards dimostra che l’irresistibile Holly fu tenuta a battesimo in extremis, alla vigilia dell’andata in stampa.
    Il documento, costellato di correzioni di pugno di Capote, è stato battuto da Sotheby’s per 378 mila sterline, più che raddoppiando la stima di partenza. Il cambiamento maggiore emerso dalle 93 pagine battute a macchina è quello del nome della protagonista.
    Secondo l’esperto di letteratura di Sotheby’s, Gabriel Heaton, una Gustanfson non avrebbe avuto lo stesso duraturo impatto di Golightly: “Poteva funzionare per una giovane sposa che evade dai suoi obblighi coniugali in una cittadina rurale del Texas, ma cola a picco se attaccato a una ragazza di mondo a Manhattan”. Una che, per dirla con le parole di Capote, doveva essere “un simbolo di tutte quelle ragazze venute a New York che per un istante fanno una giravolta sotto il sole. Ho voluto salvare una di queste ragazze e preservarla per la posterità”.
    E posterità è stata. Da quello smilzo romanzo dell’allora trentenne scrittore amico di Harper Lee – a pubblicarlo nel 1958 fu la rivista “Esquire” dopo che “Harper’s Bazaar”, che l’aveva acquistato a scatola chiusa, lo rispedì al mittente – Blake Edwards trasse una commedia romantica rimasta immortale grazie alla Hepburn, il suo filo di perle e i “little black dress” di Hubert de Givenchy, ma anche a causa di quel nome: Holly come l’agrifoglio, festoso e pungente, Golightly che significa “andare con leggerezza”, proprio come la sua proprietaria che, tra un gatto e un croissant, naviga da allora la New York degli anni Quaranta affamata di vita. 

Quante volte hai sognato di essere come in Colazione da Tiffany?

Audrey Hepburn colazione da tiffany

Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany la ricordiamo tutti per un’eleganza innata, per le sue battute sempre pronte e puntuali, per i suoi sorrisi e le lacrime che si confondono con la pioggia mentre è alla ricerca del suo gatto. Forse non tutti sapevano che questo capolavoro cinematografico prese vita grazie ad uno scritto che, come riportato dal comunicato ANSA, è stato battuto all’asta per una cifra ragguardevole.

Quando “Colazione da Tiffany” venne pubblicato per la prima volta, nel 1958, il «Time» definì la sua eroina Holly Golightly: «la gattina più eccitante che la macchina per scrivere di Truman Capote abbia mai creato. È un incrocio tra una Lolita un po’ cresciuta e una giovanissima Zia Mame… sola, ingenua e un po’ impaurita». Di tutti i suoi personaggi, disse Capote più tardi, lei era la sua preferita, ed è facile capire perché. Holly è una cover-girl di New York, attrice cinematografica mancata, generosa di sé con tutti, consolatrice di carcerati, eterna bambina chiassosa e scanzonata. È un personaggio incantevole, dotato di una sorprendente grazia poetica. Intorno a lei ruotano tipi bizzarri come Sally Tomato, paterno gangster ospite del penitenziario di Sing Sing; O.J. Berman, il potente agente delle star di Hollywood; il «vecchio ragazzo» Rusty Trawler; Joe Bell, proprietario di bar e timido innamorato…

Caro iCrewer conoscevi questa particolarità riguardante questo film e questo libro? Film che nascono da libri o libri che riprendono dei film. Cosa preferisci?

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany la ricordiamo tutti per un’eleganza innata, per le sue battute sempre pronte e puntuali, per i suoi sorrisi e le lacrime che si confondono con la pioggia mentre è alla ricerca del suo gatto. Forse non tutti sapevano che questo capolavoro cinematografico prese vita grazie ad uno scritto che, come riportato dal comunicato ANSA, è stato battuto all’asta per una cifra ragguardevole.
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
leggi tutti i commenti
0
In iCrewPlay diamo spazio al tuo pensiero! Commenta!x
()
x