Mireille Mirèio

Due giovani, Mireille, figlia di un ricco contadino di La Crau, e Vincent, un povero produttore di cestini, si amano di un amore impossibile. I soldi, i pretendenti di Mireille, la legge sociale li separano. Disperata per il rifiuto di suo padre di sposarli, Mireille fuggì dalla fattoria di famiglia e andò a pregare presso la tomba di Santa Maria in Camargue per flettere la volontà di suo padre. Colpita da un colpo di sole, muore, estasiata, di fronte al mare, alla fine delle sue preghiere, lasciando Vincent alla disperazione. Una meravigliosa epopea in cui Mistral evoca gli splendori del suo sud nativo, questo poema di dodici canzoni pubblicato nel 1859 in lingua provenzale varrà la gloria del suo autore. Considerato un capolavoro di Barbey d'Aurevilly, portò anche la romantica Lamartine attraverso la sua bellezza ed eternità.

Tutto su Mireille Mirèio