MIne vaganti. Trentotto racconti esplosivi

Nella sua prima opera, “47 Secondi”, Corrado D’Angelo ci aveva abituato a racconti fulminei e spesso divertiti. In “Mine Vaganti” il tramite del racconto non cambia ma la narrazione diventa più descrittiva, indugia sugli stati d’animo dei personaggi e talvolta sugli ambienti che li circondano, a discapito degli accadimenti puri e semplici. Un’evoluzione verso una prosa più consapevole che conferma però il suo fine ultimo: generare sentimenti ed emozioni coinvolgenti per il lettore che, trascinato in una direzione dal succedersi dei fatti, viene spesso sorpreso dall’irrompere di una distonia che rende incerto l’esito del narrato.

Tutto su MIne vaganti. Trentotto racconti esplosivi

Stelle

Intervista

MIne vaganti. Trentotto racconti esplosivi

mine vaganti
Stelle