Lo zingarella della transumanza

Con la cura degli elzeviri della terza pagina, "Lo zingarello della transumanza" è un piccolo libro che sembra spuntare dal polveroso scaffale di una vecchia libreria. Tutto rinvia all'antico: le dimensioni, la gabbia del testo, lo spazio per i marginalia, il carattere, le foto, i disegni fatti dall'autrice. La novella è scritta con la leggerezza di una penna in piuma d'oca e ha ricevuto il Premio letterario nazionale Festival dell'erranza 2020, dedicato alla Transumanza, nell'anno in cui tale pratica è stata proclamata dall'Unesco patrimonio culturale immateriale dell'umanità. La storia, eredità di memoria orale, inaugura la collana "Quaderni per il tè del pomeriggio" di Occhi a candela, la saga creata dall'autrice ambientata nell'Italia degli Appennini dove si trova pure l'omonimo Piccolo museo. È una lettura destinata ad accompagnare il tempo sospeso di un rito antico, il tè, da gustare insieme alle ricette delle nonne, scritte in appendice.

Tutto su Lo zingarella della transumanza

Lo zingarella della transumanza
Stelle

Premi ed eventi

Lo zingarella della transumanza