La locanda di Ester

Silvia è una donna come tante, che si divide tra famiglia e lavoro. E proprio perché uguale a tante altre donne, ogni lettrice potrà identificarsi nelle sua difficoltà, sgambetti della vita, mal di vive-re e mal d’amore. Se la prima parte del romanzo narra della ca-duta libera di Silvia nella vita, la seconda rappresenta la capacità di rialzarsi, la presa di coscienza di se stessa e la consapevolezza di ciò che si vuole diventare. Una storia come tante, ma proprio per questo universale, seppur nella sua unicità. “Da quel momento, si accorse che scrivere era l’unico modo per sfogare la rabbia per le cose della vita che non vanno come dovrebbero, o perlomeno come lei avrebbe voluto.”

Tutto su La locanda di Ester