0

Antivirus

"Milena Sansevero è un'infermiera del Pronto Soccorso dell'ospedale di Toledo Lodigiano. Affronta l'epidemia con coraggio e autoironia, rassegnazione e amore per il prossimo. Racconta le vicissitudini ospedaliere in un diario/blog che compila la sera, chiusa nella sua cameretta. Vive con il nipote, Alessandro Ferrari, un complottista-fancazzista-studioso faidate-esperto di informatica che a sua volta scrive nel suo blog le impressioni sull'attacco pandemico. Zia e nipote convivono con Monica Sansevero, sorella di Milena e madre di Alessandro, avvocatessa divorzista che, durante la quarantena, parla ad altissima voce con le clienti incitandole a guerreggiare contro gli ex mariti, e cucina. L'ex marito di lei, padre di Alessandro, è in Brasile dove è scappato con una mulatta. Lui e il figlio si telefonano in continuazione. Questo è lo scenario, questa è la casa lockdown nella quale abitano i due io narranti, zia e nipote. Il testo spazia dall'elegia all'ironia, dalla tragedia che si consuma nelle Terapie Intensive alla speranza, nella convinzione che il virus ci colpisce in tre modi: attacca i polmoni, l'economia del Paese e la nostra psiche. ANTIVIRUS - ambientato in una cittadina immaginaria del Lodigiano - è stato scritto per salvare la psiche dell'Autore e - se Dio vuole - per aiutare i lettori e lettrici a salvarsi."